Rassegna web: strumenti e notizie utili per i Caregiver. Agosto-Settembre 2022

In collaborazione con con la Redazione Area Welfare e il Progetto Caregiver del Comune di Bologna

Come fare il bagno a una persona con demenza: 8 consigli di vita quotidiana
Come fare il bagno a una persona con demenza che può vivere il momento come una violazione della propria intimità? Come ridurre l’agitazione e rendere meno faticoso questo momento? Il momento del bagno: che battaglia! “Dai che è ora di lavarsi.” “Io mi sono già lavato ““Sono stata con te tutto… Leggi l'articolo registrandoti gratuitamente nel sito della rivista Cura: https://www.rivistacura.it/come-fare-il-bagno-a-una-persona-con-demenza/ 

Che ambienti desidera una persona che convive con la demenza?
Sul numero di CURA di settembre parliamo di come costruire ambienti favorevoli, affinché lo spazio diventi parte della cura stessa.
Nell'articolo del dossier centrale gli autori - Gianluca Darvo e Letizia Espanoli -  immaginano che cosa ci direbbero le persone che convivono con demenza se potessero raccontarci gli ambienti che desiderano. La voce dei desideri della persona con demenza si articola in un elenco per punti, poi approfonditi nell'articolo, che suona all'incirca così: 1. «Crea spazi che possano farmi sentire "a casa"»; 2. «Aiutami a farmi sentire sicuro, ma libero», 3. «Consentimi di fare da solo», 4. «Aiutami a ricordare la mia identità»,5. «Crea uno spazio all'aria aperta pensato per me», 6. «Rendi luminosi i miei spazi», 7. «Crea una cucina terapeutica: il cibo per me è più di un sapore». Approfondisci nel sito della rivista  https://www.rivistacura.it/ 

«Voglio andare a casa mia!». 4 consigli per aiutare l’anziano che non riconosce la propria casa
“L’anziano che non riconosce la propria casa” è il tema di questo appuntamento della rubrica “I miei giorni con te“, a cura della psicologa Sara Sabbadin, che in ogni articolo affronta problemi che i caregiver possono incontrare nella loro quotidianità. «Questa non è casa mia…» Potrebbe succedere in ogni momento… Leggi l'articolo registrandoti gratuitamente nel sito della rivista Cura: https://www.rivistacura.it/lanziano-che-non-riconosce-la-propria-casa/ 

Demenza: al via indagine su 10 mila familiari di pazienti
È stata avviata un'indagine nazionale sulle condizioni sociali ed economiche dei circa 10 mila familiari dei pazienti con demenza, promossa dall'Osservatorio Demenze dell'Istituto Superiore di Sanità in collaborazione con l'Associazione Alzheimer Uniti Italia. Dal 20 settembre 2022 è possibile compilare il questionario dedicato attraverso il seguente link: https://www.famiglie.demenze.it/iss_survey1/step2.
L’indagine è una delle numerose iniziative in cui l'Istituto Superiore di sanità è coinvolto, in collaborazione con le Regioni e le Province Autonome, le società scientifiche e le associazioni dei pazienti, grazie al Decreto sul Fondo per l'Alzheimer e le Demenze, pubblicato lo scorso 30 marzo sulla Gazzetta Ufficiale: http://www.regioni.it/newsletter/n-4367/del-20-09-2022/demenza-al-via-indagine-su-10-mila-familiari-di-pazienti-24693/?utm_source=emailcampaign5640&utm_medium=phpList&utm_content=HTMLemail&utm_campaign=Regioni.it+n.+4367+-+marted%C3%AC+20+settembre+2022 

Quando diventerà veramente centrale il benessere della persona con disabilità?
«Quando i caregiver familiari potranno veramente avere al loro fianco gli enti di prossimità, che siano sociali o sanitari, in un percorso che li veda, non solo a livello teorico, in una stretta collaborazione sinergica, in un rapporto di fiducia e collaborazione reciproca, dove il benessere della persona con disabilità e il suo migliore interesse siano veramente centrali?»: a chiederselo è Sofia Donato, portavoce del gruppo Caregiver Familiari Comma 255, occupandosi di quanto sta avvenendo a Roma in tema di assistenza domiciliare alle persone con disabilità: https://www.superando.it/2022/09/05/quando-diventera-veramente-centrale-il-benessere-della-persona-con-disabilita/

L’irrisolto problema dell’assistenza alle persone con disabilità
«Il problema dell’assistenza alle persone con disabilità è da sempre gravissimo e tuttora irrisolto, continuando quasi sempre a gravare sui familiari»: prende la mosse da questa consapevolezza, Salvatore Nocera, per soffermarsi via via sulla proposta di salario ai caregiver familiari, sulla perdurante mancanza in Italia dei Livelli Essenziali di Assistenza, sulla disumanizzazione dei centri residenziali sovraffollati, sui progetti di “Dopo di Noi” finanziati da programmi assicurativi e su altri aspetti ancora: https://www.superando.it/2022/09/27/lirrisolto-problema-dellassistenza-alle-persone-con-disabilita/

Lavoro, caregiver e persone con disabilità a rischio licenziamento col nuovo decreto trasparenza
https://www.associazionelucacoscioni.it/notizie/comunicati/lavoro-caregiver-e-persone-con-disabilita-a-rischio-licenziamento-col-nuovo-decreto-trasparenza 

Assistenza familiare e infortuni domestici: per la Corte Costituzionale servono più tutele (anche per i caregiver)
La Corte Costituzionale non può estendere l’ambito dell’assicurazione contro il rischio infortunistico per invalidità permanente causata dalle attività di cura delle persone e dell’ambiente domestico (es. caregiver). Ma richiama il legislatore a individuare gli strumenti e le modalità per fruire di tali prestazioni: https://www.disabili.com/lavoro/articoli-lavoro/assistenza-familiare-e-infortuni-domestici-per-la-corte-costituzionale-servono-piu-tutele-anche-per-i-caregiver 

CONFAD torna a chiedere alla politica riconoscimento e tutele per i caregiver
«La legislatura che si avvia a conclusione non è stata affatto positiva per il mondo delle famiglie con disabilità», dichiara il Coordinamento Nazionale Famiglie con Disabilità in un comunicato diramato in vista delle prossime elezioni. Un documento nel quale ribadisce la propria priorità: «il riconoscimento della figura del Caregiver Familiare, ossia di chi si prende cura in ambito domestico di un congiunto non autosufficiente, ovvero l’affermazione dei suoi diritti e delle sue tutele»: http://www.informareunh.it/confad-torna-a-chiedere-alla-politica-riconoscimento-e-tutele-per-i-caregiver/ 

Caregiver: l’Italia segua il percorso della "Strategia Europea per l’Assistenza"
«La “Strategia Europea per l’Assistenza”, presentata dalla Commissione Europea, è un passo nella giusta direzione per consentire un’assistenza equa e adeguata a chi è impegnato nella cura a tempo pieno di un familiare. Ora spetta ai singoli Stati elaborare piani d’azione nazionali»: a dirlo è l’eurodeputata Eleonora Evi, membro titolare della Commissione Petizioni nel Parlamento Europeo. Ne condivide le parole l’Associazione Genitori Tosti in Tutti i Posti, che a suo tempo aveva presentato all’Europarlamento una petizione sul mancato riconoscimento in Italia del caregiver come lavoratore: https://www.superando.it/2022/09/23/caregiver-litalia-segua-il-percorso-della-strategia-europea-per-lassistenza/ 

Prosegue l’impegno di AIAS a supporto della figura del CAREGIVER, con nuove iniziative in partenza
Riprendono i gruppi di SOSTEGNO PSICOLOGICO, occasione di scambio e condivisione dei propri vissuti all’interno di uno spazio dedicato, sotto la supervisione di una psicologa e di un’arteterapeuta.
In aggiunta, quest’anno saranno avviati incontri dedicati al BENESSERE PSICOFISICO e all’ ESPRESSIONE CORPOREA, condotti da un’insegnante di danza, al fine di lavorare sul benessere a 360 gradi: https://www.aiasbo.it/nuovi-progetti-a-sostegno-dei-caregiver/?fbclid=IwAR2_ea0WfkvqgAyKqBN-elYrqnI83vvJq4QItIG_YNez0N-5UXaUWjLF9nY 

I dati per l'Italia su fragilità e disabilità del Progetto PASSI dell'Istituto superiore di sanità/Epicentro. Emilia-Romagna al top
Continua l’aggiornamento dei dati PASSI e PASSI d’Argento relativi al biennio 2020-2021. Riguardo le patologie croniche emerge che al 18% degli adulti e a circa 6 ultra 65enni su 10, un medico ne ha diagnosticato una o più nel corso della vita. Per approfondire consulta le sezioni dedicate alle patologie croniche (PASSI e PASSI d’Argento). Sono disponibili anche i nuovi dati 2020-2021 su alcuni importati aspetti della vita quotidiana degli over 65enni: fragilità e disabilità, isolamento sociale e partecipazione sociale.
Circa Fragilità e disabilità l’autonomia nello svolgimento delle attività della vita quotidiana assume una particolare importanza per il benessere dell’individuo, anche in relazione alle necessità assistenziali che si accompagnano alla sua perdita. Il livello di autonomia dell’anziano viene individuato utilizzando la scala delle ADL (Activity of Daily Living) e la scala delle IADL (Instrumental Activity of Daily Living) che indagano rispettivamente la capacità dei soggetti anziani di compiere funzioni fondamentali della vita quotidiana (mangiare, vestirsi, lavarsi, spostarsi da una stanza all’altra, essere continenti, usare i servizi per fare i propri bisogni) e le funzioni complesse (preparare i pasti, effettuare lavori domestici, assumere farmaci, andare in giro, gestirsi economicamente o utilizzare un telefono) che consentono a una persona di vivere da sola in maniera autonoma. Segnaliamo che l'Emilia-Romagna è l'unica regione italiana ad avere tutti e 4 i valori considerati migliori della media nazionale.

Azioni sul documento

pubblicato il 2022/09/30 09:00:00 GMT+1 ultima modifica 2022-09-30T08:59:50+01:00

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi ?

Piè di pagina